Come realizzare la tua carta vini senza essere un grande esperto

Aiutiamo la tua attività a creare da zero o a modificare la propria carta dei vini aumentando la vendita e la soddisfazione dei clienti in poco tempo, senza ricorrere a consulenti esterni o rappresentanti anche se non ti ritieni un esperto del settore. Nessun altro può creare una carta dei vini, che garantisce marginalità ed alta rotazione dei vini, senza immobilizzazioni di capitale.

Cosa offriamo?

Competenza - Ricerca - Professionalità

Competenza

- Non sarai solo, ti affiancheremo e seguiremo passo dopo passo.

Il nostro lavoro non si limita solo a scrivere una lista di vini, da stampare ed avere in bella vista nel tuo locale. Oltre ad un’attenta selezione di etichette, perfettamente adattate al tuo menù e alla tua tipologia di attività, offriamo un continuo supporto a tutto lo staff per agevolarvi nel proporre e nel vendere le nostre etichette.

Ricerca

-No a prodotti commerciali che seguono la moda del momento.

Questo è il nostro lavoro!
Una continua ricerca di “Grandi vini di Piccoli produttori”.
Piccoli dalla produzione molto limitata e molto spesso in prenotazione; vere e proprie chicche enologiche evitando, volutamente, le solite, classiche, banalità commerciali ormai note a tutti.

Professionalità

- No a carte vini omologate.

Vogliamo contribuire, con il nostro lavoro, a fare in modo che l’offerta enologica dei nostri clienti possa essere ampia, varia e soprattutto distintiva e specifica per la tipologia dell’attività.
La nostra scelta aziendale non è mai stata quella di servire la grande distribuzione ma rivolgersi ad una clientela che voglia proporre la qualità e non la quantità.

Chi sono i nostri clienti?

Ultime notizie

In questa sezione ti teniamo aggiornato su tutte le novità e la disponibilità dei vini di etichetta.

Vini bianchi:

un boom in costante aumento

“La crescita del vino bianco, sul mercato globale dei consumi, è impetuosa e non si arresterà almeno per il prossimo decennio” – questo afferma il report del White Wine Maker, che stima un aumento di consumo dei vini bianchi vertiginoso.

I vini bianchi si stanno facendo apprezzare sempre più a causa della loro semplicità e della loro versatilità, adatti ad ogni situazione e tipo di attività: ottimi serviti al calice in un bar o in una vineria per aperitivo, perfetti per accompagnare un pasto in un ristorante e, perché no, a volte facilmente abbinabili persino ai desserts.

Merito del boom “bollicina”? In parte, ma non è quello a fare la differenza.

L’etichetta di vino “estivo”, il bianco se l’è definitivamente scrollata di dosso.

Ora è un vino per tutte le stagioni. Sempre più tipologie di bianco sono presenti nelle carte delle varie attività di ristorazione, una tipologia che si sposa perfettamente con le nuove idee di cucina che prendono forma: vegana, vegetariana, esotica e orientale (che è sempre più presente) e la “tipica” cucina di mare.

Nel nostro settore prestare attenzione ai dati statistici e seguire, in particolar modo, i trend è fondamentale. Conoscere i consumi e i gusti dei nostri clienti è un vantaggio che non dobbiamo perdere.

Per stare al passo ed offrire ai nostri clienti un ampio assortimento e delle novità continue ci siamo messi alla ricerca di vini bianchi dal carattere unico, con un ottimo rapporto qualità/prezzo e che sappiano farsi apprezzare da tutti, in particolar modo da un pubblico giovane e femminile che, sempre più, sta aumentando smisuratamente.

Dove trovare, però, un’azienda che produce una gamma di etichette che rispecchi le nostre aspettative?

Vini di identità e di carattere in linea con il nostro modo di lavorare, senza rivelarsi una scelta banale o commercializzata da chiunque?

Dovevamo scegliere una zona tra le migliori nella produzione dei bianchi, una regione che fa di questa tipologia di vino la sua “punta di diamante”.

Ciò che ci serviva, dopo una lunga ricerca e prove d’assaggio, l’abbiamo trovato in Alsazia.

L’Alsazia è la regione vinicola più importante in Francia per i vini bianchi.

Non potevamo non prendere ottimi vini bianchi prodotti in una regione vinicola così importante, perdipiù in Francia!

La zona vitivinicola dell’Alsazia è una lingua di terra che è costeggiata ad est dal fiume Reno ed è suddivisa in due parti – Haut-Rhin e Bas-Rhin – per un totale di 15,2 mila ettari, dedicati quasi interamente alla coltivazione delle uve a bacca bianca come Riesling, Pinot Bianco, Pinot Grigio, Sylvaner e Gewurztraminer senza dimenticare l’unica varietà a bacca nera ovvero il Pinot Nero.

I vini bianchi di Alsazia sono considerati tra i migliori in Francia, merito anche di una molteplicità di suoli che dà ai vini espressioni differenti tra le varie zone di coltivazione.

L’azienda che abbiamo selezionato è Wolfberger, fondata a Eguisheim , vicino a Colmar, divisa equamente tra Basso Reno e Alto Reno.

Da oltre un secolo Wolfberger è continuamente tra i pionieri che ispirano la crescita del vigneto alsaziano conciliando tradizione e innovazione. Promuove la ricchezza del terroir alsaziano attraverso forti ambizioni: qualità del prodotto, sostenibilità dell’azienda agricola e pratiche ambientali virtuose. Tutti i suoi vigneti sono inoltre lavorati in viticoltura sostenibile da più di una dozzina di anni.

Ogni appezzamento è selezionato e coltivato per riflettere l’espressione di un terroir e di un vitigno, indirizzando la vendemmia in modo da plasmare ed esaltare la personalità dei vini.

I vini dell’azienda Wolfberger sono rappresentativi della diversità del vigneto alsaziano. Questi vini sono l’espressione più significativa di ogni vitigno per ogni annata. Vengono scelti ogni anno con cura per soddisfare le aspettative ed i gusti dei palati più esigenti. 

Una gamma unica e tipica di vini d’ Alsazia AOC tutta da bere e da scoprire.

Le Etichette

Crèmant d’Alsace Brut

La denominazione Cremant d’Alsazia presenta vini frizzanti, vivaci e delicati, vinificati secondo il metodo tradizionale.

Un Crémant d’Alsace ottenuto da uve Pinot Bianco, Pinot Grigio e Riesling, dal colore dorato brillante ravvivato da bollicine fini regolari e persistenti. Il naso seduce con i suoi aromi floreali e frutti a polpa bianca mescolati a sottili note di nocciola fresca. La bocca armoniosa è sorretta da una freschezza persistente e sbavante.

Un Crèmant che vi sorprenderà!

Crèmant d’Alsace Rosé Brut

A base di Pinot Nero, questo Crémant d’Alsace Rosé si rivela per la sua fine effervescenza e un elegante colore rosa.

Al naso evoca la vivacità dei frutti rossi e la bocca, tutta in freschezza e golosità, si afferma su questi aromi fruttati.

Da provare!

Riesling Alsace

Il Riesling è il re del vigneto alsaziano, il più aristocratico e longevo.

Questo Riesling dal bel colore giallo, è caratterizzato da un profumo intenso di frutta fresca, sviluppa note di agrumi, pera con un accenno di fiori bianchi. 

L’attacco al palato è fresco, dotato di una buona acidità e con una bella presenza di note agrumate sul finale.

Pinot Blanc

Questo Pinot Bianco di un bel giallo paglierino, è caratterizzato da un naso fine e intenso, sviluppa note di frutti gialli come pesca e prugna mirabella.

L’attacco al palato è morbido e franco con una bella persistenza di aromi fruttati sul finale.

Pinot Gris

Il Pinot Gris alsaziano è corposo, rotondo, opulento, esprime aromi di sottobosco, a volte leggermente affumicati o floreali. Molto diverso dal Pinot Grigio che ritroviamo in Trentino.

Questo Pinot Grigio di un bel giallo dorato, è caratterizzato da un naso fine con profumi di frutti gialli, sviluppa note di tostatura e pane tostato.

Sylvaner

Il Sylvaner è unvitigno a bacca bianca tipico di questa regione, si presenta fruttato e leggero, dona vini molto gradevoli e beverini, dalla bella vivacità.

Questo Sylvaner, di un bel giallo paglierino, è caratterizzato da un naso fine ed espressivo, sviluppa eleganti profumi di fiori bianchi. 

L’attacco al palato è morbido, fruttato e di bella freschezza.

Gewurztraminer

Il Gewurztraminer uno dei vitigni più celebri della regione, con la sua innegabile riconoscibilità.

Questo Gewürztraminer, un bel giallo dorato, è caratterizzato da un naso espressivo, sviluppa note floreali e di frutta esotica. 

L’attacco al palato è ricco e rotondo con una bella presenza aromatica fruttata sul finale.

Pinot Noir

Il Pinot Noir è il solo vitigno a bacca nera ammesso in Alsazia.

Questo Pinot Nero alsaziano, rosso rubino con riflessi granati, è caratterizzato da un naso fruttato, sviluppa sottili note di lampone, ciliegia con un pizzico di spezie. 

L’attacco al palato è franco con presenza setosa di tannini e note di frutti rossi sul finale.

Riesling Grand Cru “Hengst”

Hengst, nel sud della città di Wintzenheim, vicino a Colmar, è un vigneto risalente al IX secolo, un terreno composto da conglomerati oligocenici e marne calcaree, che offre vini corposi molto interessanti.

Con un carattere deciso (Hengst significa stallone), i vini di questo terroir si esprimono attraverso una notevole finezza ed eleganza.

Questo Riesling Grand Cru Hengst è un vino particolarmente fine ed elegante. Rivela le classiche note minerali del vitigno sfumate da bei tocchi fruttati. 

Al palato rivela una struttura ben equilibrata, con un finale di grande distinzione.

Scopri il listino e altro prodotti cliccando qui

Seguici anche su Facebook ed Instagram

Schola Sarmenti

Una new entry dalla Puglia tutta da… bere!

Puglia, in termini quantitativi, detiene la più alta e importante produzione vinicola in Italia. Sebbene il dato sembri essere positivo, la produttività elevata in termini numerici e i costi relativamente contenuti, ne fanno pensare come una regione in cui la qualità non è mai ricercata. Causa anche un passato in cui abbiamo visto i vini pugliesi emigrare verso il Nord e l’Europa come “vini da taglio” per rinforzare i vini locali, la Puglia è diventata una regione, in termini vitivinicoli, snobbata da molti: appassionati, critici, esperti del settore hanno una considerazione piuttosto bassa salvo rare eccezioni.

I pareri degli esperti hanno una loro valenza sicuramente, ma sono altri i dati, e altre le considerazioni, che dovrebbero far riflettere:

I vini pugliesi piacciono e si vendono!

Inutile negarlo: Primitivo e Negroamaro sono sulla bocca di tutti, specialmente del pubblico più giovane e femminile, dei clienti che cercano un vino piacevole al palato, un vino morbido e magari anche di gradazione più sostenuta.

I prezzi contenuti e l’ampia commercializzazione che fa conoscere questi nomi in tutta Italia hanno fatto sì che ognuno, almeno una volta nella vita, ha avuto modo di degustare un vino pugliese, trovandone all’interno morbidezza, buona gradazione e senso di appagamento durante la bevuta.

E c’è di più!

Rispetto al passato oggi questo scenario è cambiato grazie all’impegno dei produttori che hanno investito nella valorizzazione del vino pugliese.

Negli ultimi anni i produttori hanno migliorato, implementato e rinnovato i reparti di imbottigliamento adottando anche soluzioni tecnologiche innovative in cantina, mantenendo sempre alti i livelli di produzione ma migliorando, in maniera costante e graduale, la qualità dei vini. 

E allora perché continuare a snobbare la Puglia invece di puntarci con decisione?

Magari offrendo un servizio al calice?

Un’azienda in particolare ci è tornata in mente, una Cantina Pugliese che ha abbandonato il concetto dell’alta produzione con addirittura alcune etichette a tiratura limitata, applicando al suo lavoro una filosofia che fa della qualità dei vini il suo punto forte.

Schola Sarmenti

Perché poi in fondo si sa,

… “Certi amori non finiscono, fanno dei giri immensi e poi ritornano”… – cantava Venditti ed è la frase che rappresenta al meglio la motivazione della scelta di inserire nella nostra distribuzione la Cantina Schola Sarmenti.

Un “amore” iniziato anni fa, all’inizio della nostra attività, nel 2003, che poi per vari vicissitudini e cambiamenti commerciali avevamo messo da parte, ma mai dimenticato.

Già a quel tempo l’azienda dava l’impressione di poter diventare un punto di riferimento dell’enologia pugliese, identificativa del territorio di appartenenza, producendo vini di assoluta qualità in un contesto dove sono presenti miriadi di aziende da numeri produttivi industriali.

Oggi torna a far parte della nostra distribuzione con un’ampia gamma di etichetta e con vini che rispecchiano la nostra filosofia.

Schola Sarmenti

Schola Sarmenti è un’azienda con sede a Nardò (Lecce) fondata nel 1999 dalle famiglie Marra e Calabrese.

La cantina è un vecchio stabilimento vitivinicolo dell’Ottocento restaurato e recuperato. Il piano terra è costituito da volte a stella realizzate in pietra leccese, la barricaia sotterranea è stata realizzata grazie al recupero delle antiche cisterne di vinificazione.     

Schola Sarmenti

I vigneti sono coltivati con tradizionale metodo ad alberello pugliese ed hanno più di 80 anni di vita che incontra l’innovazione nella cantina, che è ad oggi una delle più moderne dell’intera regione.

I vigneti sono coltivati con tradizionale metodo ad alberello pugliese ed hanno più di 80 anni di vita che incontra l’innovazione nella cantina, che è ad oggi una delle più moderne dell’intera regione.

Grazie a tecniche moderne e innovative, questa cantina è riuscita a distinguersi, racchiudendo in bottiglia tutta l’intensità e l’armonia di una terra ricca di sole e portandole al mondo.

Il successo di Schola Sarmenti inizia da questa scelta importante: preservare un’antica tecnica di allevamento, quella dell’alberello pugliese. Una tecnica tanto difficile quanto preziosa che ha solo bisogno di mani forti e abili per regalare vini di grande qualità e pregio.

Non ti resta che provarli!

Le etichette da noi selezionate

Roccamora Negroamaro

 “Roccamora” 2020 – 100% Negroamaro

Un vino rosso prodotto da uve 100% Negroamaro. L’età media delle vigne da cui provengono queste uve è di 20 anni. Le uve che vengono raccolte a mano e delicatamente riposte in piccole cassette areate per preservarne l’integrità sono poi ulteriormente selezionate per garantire l’utilizzo dei soli grappoli migliori. La maturazione avviene in acciaio a temperatura controllata.

Note di spezie, tabacco e cuoio in un finale di frutto ben marcato. Al gusto al primo sorso si presenta intraprendente, inebria il palato con una morbidezza e una struttura vellutata smorzata da un fine tannino che lascia una scia gradevolmente amarognola.

Critera Primitivo

“Critera” 2020 – 100% Primitivo

Vino rosso prodotto a partire da uve giovani di Primitivo raccolte a mano. La vinificazione e l’affinamento avvengono in acciaio a temperatura controllata.

Colore rosso rubino.  Al naso regala intensità con sentori di frutta matura, prugna secca americana e marmellata di ciliegia. Profumi sinceri, tipici di un’uva ricca e preziosa che intrigano gli animi con uno stravagante e non comune insieme di sentori. Al gusto regala un assaggio carnoso di grande tipicità, con un forte richiamo alla polpa matura, ammaliato da una piacevole freschezza sprigiona tannini vivaci avvolti da una dolce morbidezza in un lungo finale inebriante.

Armentino

“Armentino” 2020 – 50% Primitivo – 50% Negroamaro

Vino rosso ottenuto con un equilibrato utilizzo di uve Primitivo e Negroamaro. Le uve sono raccolte a mano ulteriormente selezionate in cantina. Una volta terminata la vinificazione effettuata sempre a temperatura controllata il vino viene assemblato ed in seguito fatto affinare per qualche mese in acciaio e poi per 5 mesi in bottiglia.

Profumo orgoglioso, sorprende con intensità in un fresco intreccio di note di amarena e frutta matura. In bocca è una grande sorpresa grazie ad una straordinaria matrice tannica che esalta un vino potente e tracotante di sostanza e polpa.

Un vino che saprà farsi amare!

Antieri Susumaniello

“Antieri” 2020 – 100% Susumaniello

L’ultimo vino rosso nato nella cantina. Un vino prodotto con uve Susumaniello, uno dei vitigni autoctoni del Salento.

L’uva, raccolta a mano, viene selezionata manualmente per permettere solo ai grappoli migliori la produzione di questo grande vino di qualità. Seguono poi le fasi di macerazione e fermentazione a temperatura controllata effettuate in tini di acciaio Inox. Al termine della fermentazione malolattica il vino è trasferito ed affinato in botti di quercia Francese dove riposerà per almeno 12 mesi. Per ultimo il vino verrà ulteriormente affinato in bottiglia per un periodo di ulteriori 6-9 mesi.

Un vino deciso, fresco, equilibrato, con grande corpo. Ha colore rosso rubino intenso e impenetrabile. Un vino che sa essere forte ma con garbo, riuscendo a colpire con i suoi profumi complessi e delicati. Presenta note fruttate e speziate in cui si distinguono more, ciliegie mature, pepe nero, vaniglia e chiodi di garofano. In bocca va a concludere con una lunghissima persistenza in bocca.

Un vino a produzione limitata, di spiccata personalità e molto rappresentativi del territorio.

Diciotto Primitivo

“Diciotto” 2019 – 100% Primitivo

Un vino rosso esclusivo, prezioso, a tiratura limitata. Un vino prodotto a partire da vitigni di 80 anni allevati con il tradizionale ed antico metodo dell’alberello pugliese. Da una paziente potatura verde che ne limita la produzione in nome di una qualità assoluta, nasce questo Primitivo.  

Le uve sono raccolte a mano e delicatamente riposte in piccole cassette areate per preservarne l’integrità e successivamente selezionate in cantina. Quindi si passa alla vinificazione a temperatura controllata. Segue un affinamento dove il vino matura per 14 mesi in tonneaux nuovi di quercia francese, media tostatura. Infine, 10 mesi di ulteriore affinamento in bottiglia.

Ha profumi che arrivano al naso con vertiginosa profondità, ed investono con inebrianti sentori di frutti rossi e da una folata balsamica con intriganti sensazioni di frutta tostate e intensi accenti di note speziate. In bocca un velluto aromatico avvolge il palato in un vortice inaspettato di sensazioni. L’elegante armonia riporta gli animi alla realtà, dove tannini vigorosi sanno espandersi con assoluta delicatezza e senza eccessi.

DICIOTTO è una valorosa espressione di una terra preziosa e frutto di abili mani, sagge e amorevoli.

Corimei Primitivo Passito

“Corimei” Primitivo Passito 2020 – 100% Primitivo

Nasce da uve Primitivo in purezza coltivate ad alberello da vigneti con più di 20 anni. Vendemmia tardiva con leggero appassimento sulla pianta; In cantina sono poi ulteriormente selezionate su di un moderno tavolo di cernita. Segue una fermentazione in acciaio a temperatura controllata prima dell’imbottigliamento.

Il vino presenta un colore rosso intenso e profondo; al naso è facile riconoscere le note di frutti rossi e marmellata di amarene. In bocca, invece, si rivela un vino piacevolmente vellutato ed elegante.

Ottimo con dolci della tradizione pugliese e non solo.

Per conoscere i prezzi clicca qui e richiedi il nostro listino.

Seguici su Facebook e Instagram per non perderti nessuna novità!

Valdobbiadene Umberto Bortolotti

Nel 2021 si è stabilito il record storico con circa 750 milioni di bottiglie di Prosecco vendute: un numero enorme, un aumento radicale se confrontato agli anni precedenti che fanno del Prosecco uno dei vini più venduti al mondo.

Questi numeri enormi, nell’immaginario collettivo, portano, giustamente, a valutare il Prosecco come un prodotto di massa che spesso va a collocarsi in una fascia qualitativa medio – bassa, tanto che spesso viene chiamato prosecco o peggio “prosecchino” qualsiasi spumante.

Fortunatamente, tra le tante realtà produttive della denominazione, spicca talvolta qualche eccellenza.

 Una su tutte ha attirato la nostra attenzione: la Cantina Umberto Bortolotti, un produttore storico e di tradizione con sede in Valdobbiadene che ha costruito la sua notorietà grazie alle “Rive”, singoli appezzamenti di terreno scoscesi che esaltano le caratteristiche del Prosecco ottenuto da un’unica identità produttiva.

Abbiamo avuto modo di studiare l’azienda degustandone i prodotti, conoscendo la proprietà, e abbiamo constatato che è una delle realtà più belle e con alcuni tra i migliori vini dell’area di Conegliano e Valdobbiadene.

Ci hanno affascinato molto le Rive, appunto la vinificazione per singolo appezzamento che richiama al concetto di Cru, tanto rinomato ed utilizzato dai nostri cugini francesi ed apprezzato in tutto il mondo, infatti su 43 Rive presenti sul territorio, le Cantine Umberto Bortolotti ne vinifica 5 in quantità molto limitate.

Prosecco Valdobbiadene Bortolotti

L’azienda Cantine Umberto Bortolotti ha una lunga tradizione nella produzione di spumanti di qualità; da oltre settant’anni presenta i propri vini spumanti, affiancando alla tradizione locale tecniche spumantistiche in costante progressione.

Da lungo tempo l’azienda opera tra le realtà storiche del Comune di Valdobbiadene al fine di tutelare e promuovere la forte identità territoriale di una viticoltura da molti definita eroica che, inerpicandosi sulle tante rive per generazioni, ha dato forma ad un territorio riconosciuto dall’UNESCO Sito Patrimonio Universale dell’Umanità nel 2019.

Sono solo 15 i comuni di collina che garantiscono, da 50 anni, la DOC, oggi DOCG, su circa 8.300 ettari adagiati a metà strada tra le Alpi Dolomiti e la città di Venezia.

Prosecco Valdobbiadene Bortolotti

IL VITIGNO

Conosciuto come “Prosecco” e coltivato da oltre 400 anni tra le colline di Conegliano e Valdobbiadene, riprende dalla vendemmia 2009 una delle antiche appellazioni “Glera”, per tutelare più fortemente la tradizione locale e regionale.

La menzione “Rive”, presente esclusivamente nell’area del Conegliano Valdobbiadene DOCG e nella versione spumante, rappresenta e promuove dal 2009 l’essenza del territorio collinare famoso per i propri spumanti.
E’ prodotto, infatti, esclusivamente con uve provenienti da un unico Comune o frazione di esso, per esaltare le caratteristiche che una collina, un vigneto può conferire a quel vino.

Il termine “Rive” sta ad indicare, nella parlata locale, i vigneti posti in terreni scoscesi ed ha lo scopo di mettere in luce la vocazione e le molte differenze che esprimono le diverse località della Denominazione di Origine che si estende per oltre 30 chilometri. Sono storicamente i più difficili da lavorare, dove ogni fase della coltivazione e la raccolta si effettuano solo ed esclusivamente a mano.

Nel territorio tutelato sono presenti ben 43 Rive che indicano altrettante diverse espressioni territoriali.

Ad esse è riservato un vino con indicazione obbligatoria d’annata, elaborato esclusivamente in versione spumante, ottenuto da vendemmia manuale in vigneti in cui la resa massima è di 130 quintali ad ettaro.

L’azienda Bortolotti è l’unica che produce Prosecco Valdobbiadene DOCG ottenute da 5 “Rive” ben identificate, tutte in produzione limitata. Le Rive selezionate per i cinque ‘Cru’ sono: Rive di Santo Stefano, Rive di Rolle, Rive di Col S. Martino, Ron di Valdobbiadene e Rive di Colbertaldo.

Seguici su Facebook e Instagram per non perderti nessuna novità.

Scopri maggiori dettagli sul Valdobbiadene Bortolotti cliccando qui.